Nel cassetto di un vecchio mobile

Yves-Marie Hue: Vite sconosciute (une vie inconnue 2)

il fotografo è sconosciuto, come sono sconosciute le persone ritratte. Niente sappiamo delle loro vite, ormai svanite. Yves-Marie torna a farle vivere per l'attimo del nostro sguardo.

Viene in mente Simenon, il Simenon dei romans durs. Nella sua narrativa è sempre presente nel sottofondo la vertigine di miriadi di vite. Noi guardiamo e possiamo solo immaginare. La suora parla a una donna, senza guardarla e dietro di loro un bambino piccolo cammina spedito verso qualche scoperta. Anche quel bambino piccolo oggi non esiste più. Riesumato per noi dall'elaborazione di Yves-Marie Hue su una serie di foto rinvenute per caso in un vecchio mobile acquistato, dentro un cassetto.

..

 

 

 

Aggiungi un commento